*

I vincitori 2021

Il «Prix Metallrecycling» 2021 è stato conferito al parco acquatico del Comune di Münsingen, allʼHockey Club Davos e a Esther Marbach di Rothrist.

Hockey Club Davos AG

In occasione della ristrutturazione del palazzetto del ghiaccio avvenuta nel 2020, l’HC Davos ha allestito un nuovo di sistema di raccolta. Gli spettatori hanno a disposizione, ogni 25 metri, un punto di raccolta separato per le lattine d’alluminio. In questo modo, lʼHCD persegue la propria politica ecosostenibile anche nell’ambito della raccolta dei rifiuti e dei materiali riciclabili. Inoltre adotta soluzioni integrative creative nella raccolta delle lattine d’alluminio. Nelle stazioni riservate agli imballaggi per bevande viene utilizzato il cosiddetto «can cutter»: attraverso un semplice movimento della mano, l’apparecchio meccanico trasforma una lattina di birra in un bicchiere riutilizzabile. «Una soluzione valida e vantaggiosa per tutti: noi risparmiamo bicchieri di plastica e gli ospiti sono felici di portarsi a casa un ricordo originale che possono, in seguito, gettare nei contenitori per la raccolta dell’alluminio» evidenzia Patrick Buemi, Responsabile eventi presso Hockey Club Davos AG.

Parco acquatico del Comune di Münsingen

«Essendo le lattine d’alluminio e le bottiglie per bevande in PET realizzate con preziose materie prime non devono finire nei rifiuti e successivamente negli impianti di incenerimento dei rifiuti urbani» ha pensato tra sé e sé Marco Tschanz per poi ideare un sistema di raccolta per il parco acquatico di Münsingen presso Berna. Al posto dei normali bidoni della spazzatura, il Vice Responsabile del parco acquatico ha posizionato complessivamente 14 punti di raccolta per lattine d’alluminio, bottiglie per bevande in PET, vetro e rifiuti, osservando in seguito possibili cambiamenti nel comportamento dei bagnanti. «Attraverso questo progetto abbiamo voluto sensibilizzare i bagnanti sul tema del riciclaggio. A tal fine abbiamo deciso di collocare i punti di raccolta in importanti punti strategici, ad esempio nei punti di passaggio degli ospiti all’uscita del parco acquatico. Grazie a queste riflessioni, il progetto si è autogestito ed è ora alquanto apprezzato dai nostri ospiti» afferma felice Marco Tschanz.

Esther Marbach di Rothrist

A Esther, la natura sta particolarmente a cuore. In tal senso, dal 2013 si adopera attivamente nella lotta al littering. In sella alla sua bici elettrica, la sessantaquattrenne percorre, ogni giorno, fino a 60 km – e l’anno scorso ha raccolto oltre 43'508 lattine d’alluminio abbandonate nella natura o sui cigli delle strade. Per poter trasportare tali quantità, l’infermiera geriatrica ha dotato il rimorchio della sua bicicletta di un sistema di suddivisione che le permette di differenziare bottiglie per bevande in PET, imballaggi in alluminio e bottiglie di vetro per poi consegnarli, dopo averli contati, negli appositi centri di raccolta. Nel frattempo, quattro volontari si sono aggregati all’impegnata raccoglitrice per liberare regolarmente il Comune di Rothrist dai rifiuti incivilmente abbandonati.

Congratulazioni!